febbraio 2018

Il ruolo dell’intellettuale nell’era dei social

28 febbraio 2018

Mi ha colpito la frase di un impareggiabile amico ultra-attento ai meccanismi della comunicazione (tanto da essersi laureato con una tesi su Watzlawick, se non vado errando) e alle modificazioni che le nuove tecnologie introducono nei comportamenti umani riguardo l’impiego dei social. Discutendo con me e con altri ha notato che «tra tutto il male che molti dicono esserci in questi social c’è il bello di poter concedere al nostro narcisismo autoriale una frammentarietà disimpegnata che si confronta solo con noi stessi senza deludere un amico».

[Continua a leggere >>]

La confusione sotto il cielo

27 febbraio 2018

«Grande è la confusione sotto il cielo, la situazione è eccellente», diceva Mao Tze Tung e la mia generazione – tacciata di tutti i mali che oggi affliggono la Terra, come se non avesse tentato di far andare le cose in un’altra direzione (che poi sia stata sconfitta ed abbia dovuto capitolare è altra cosa) – ci ha creduto.

[Continua a leggere >>]

Idee politiche, in vista delle elezioni

20 febbraio 2018

Fra una decina di giorni si vota e nessuno è venuto a chiedermi di votare per lui. A nessuno interessa, dunque, il mio voto e, come avviene per me, presumo avvenga per chiunque altro. Ne desumo perciò che ai 42 partiti che si presentano alle elezioni dopo una nauseabonda, pluridecennale, ingegneristica diatriba sulla governabilità, i premi di maggioranza e i pregi del bipolarismo, non interessi il voto di tutti quelli che vanno a votare.

[Continua a leggere >>]

Un voto per la sicurezza

18 febbraio 2018

Molti opinionisti hanno notato che nella campagna elettorale per le elezioni politiche del 4 marzo prossimo il commento della cronaca nera ha soppiantato la discussione sui programmi e le intenzioni di governo. Con toni da “grand guignol” i media hanno amplificato questa spasmodica attenzione della politica.

Risultato: paura e sicurezza sono l’argomento “principe” intorno al quale ci si interroga in attesa dell’apertura dei seggi, in virtù di un paradosso. I dati infatti dicono che gli omicidi nel 2016 sono stati 400, circa 4 volte meno di quelli degli anni Novanta: 0,7 omicidi ogni 100mila abitanti secondo l’Istat, per la quale i furti in abitazione diminuiscono dopo anni in cui sono stati in crescita, mentre restano stazionari borseggi e rapine.

Anche i dati del ministero dell’Interno relativi al 2016 dicono che si è ridotto il numero di omicidi, rapine, violenze sessuali, furti ed estorsioni, con una diminuzione di reati del 16,2% in meno rispetto all’anno precedente.

[Continua a leggere >>]

Perché grazie a Marco Cappato

17 febbraio 2018

A Marco Cappato, militante radicale impegnato nell’associazione Luca Coscioni, va la mia totale gratitudine.

Gli sono grato perché si batte per un diritto di cui vorrei beneficiare: il diritto di disporre del mio corpo come meglio credo in qualsiasi momento senza che vi siano impedimenti e che altri possano aver legge su di esso. Il diritto cioè di potermene andare quando ritengo sia giunto il momento, nel pieno possesso delle mie facoltà o, qualora mi trovi irrimediabilmente compromesso e tenuto in vita artificialmente, anche senza più poter agire per lasciare questa terra.

[Continua a leggere >>]

Riflessioni sulla parola “antifascista”

15 febbraio 2018

Detesto quanto è “anti”. Penso valga più la pena essere a favore di qualcosa che contro. Perciò, per quanto lo sia, non mi piace definirmi “antifascista”. Questa è l’opzione che l’Associazione nazionale dei partigiani d’Italia offre a quanti non hanno fatto la Resistenza ma condividono e intendono tener desti i valori che l’hanno ispirata, cioè il desiderio di pace, giustizia, equità.

[Continua a leggere >>]

Una frase inappropriata. Mi scuso

13 febbraio 2018

Foto di Lucky Daddy

Devo delle scuse a quanti hanno partecipato alla presentazione della mia appassionata biografia di Primo Levi Questo è un uomo, che, per interessamento del mio insostituibile amico Gian Luca Corradi e di Silvia Alessandri, vicedirettrice della Biblioteca Nazionale di Firenze e convinta socia di TESSERE, si è tenuta martedì 30 gennaio alla Biblioteca Nazionale con la partecipazione appunto del suo direttore, Luca Bellingeri, di Renzo Bandinelli, chimico e rappresentante della Comunità ebraica di Firenze, di Maria Cristina Carratù, giornalista di “Repubblica” con cui ho condiviso molti anni fa un bel pezzo della mia carriera professionale quando entrambi seguivamo la politica al Comune di Firenze, ed al professor Massimo Bucciantini, docente all’Università di Siena ed autore di vari bei libri tra cui Esperimento Auschwitz dedicato all’approccio scientifico impiegato da Primo Levi nella sua narrativa e al rapporto fra lo scrittore torinese e Franco Basaglia, l’uomo che vivaddio ha sradicato l’esistenza dei manicomi.

[Continua a leggere >>]

A maggio “Je vous sauverai, mademoiselle Else”

12 febbraio 2018

È prevista per maggio 2018 la pubblicazione della traduzione francese di Io la salverò, signorina Else. Questa la scheda editoriale del libro:

La scheda in formato pdf

Ieri, come ai tempi di Rosa Parks

10 febbraio 2018

L'autobus di Rosa Parks

Tornando a casa ieri sera, dopo la presentazione del libro del senatore Vannino Chiti sul futuro della democrazia, in autobus ho assistito a una scena molto simile a quella che il 1º dicembre 1955, a Montgomery, capitale dell’Alabama, patì Rosa Parks.

Forse tutti sanno chi è Rosa Parks. A lei la regista Julie Dash ha dedicato nel 2002 un film intitolato The Rosa Parks Story, interpretato da Angela Bassett e un altro film del 1990 La lunga strada verso casa con Whoopi Goldberg e la regia di Richard Pearce si ispira alla sua storia.

Io ho avuto la fortuna di vedere il mio amico Italo Dall’Orto portare in scena la pièce teatrale L’autobus di Rosa, credo nel 2012, ed è stato emozionante. Un libro illustrato per bambini scritto da Fabrizio Silei e illustrato da Maurizio Quarello, porta questo stesso titolo e lo ha pubblicato la casa editrice Orecchio acerbo in collaborazione con Amnesty International.

[Continua a leggere >>]