La Stampa

Crescita e decrescita

22 agosto 2012

In un articolo su La Stampa di oggi, mercoledì 22 agosto 2012, l’economista Irene Tinagli argomenta con ragionevoli e convincenti motivazioni le obiezioni ai sostenitori della decrescita felice, vale a dire di quelle teorie «riportate in auge dall’economista francese Serge Latouche» secondo le quali si vivrebbe meglio ripensando l’attuale sistema dei consumi e sottraendosi all’assillante monito di incrementare continuamente il Prodotto interno lordo.

[Continua a leggere >>]

Realtà e fantasia

21 agosto 2012

Titolo di un lancio Ansa di oggi da Torino: Uccide prostituta, poi scrive un libro. L’uomo arrestato dai Carabinieri ha 34 anni, ne sono state diffuse le generalità e si conoscono i reati di cui è accusato: omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere. Nel febbraio scorso avrebbe inferto numerose coltellate su una donna di nazionalità nigeriana giunta in Italia chiedendo asilo politico, che si prostituiva tra Carignano e Torino, fino a farla morire per poi gettarne il corpo nel Po dove fu ritrovato nei pressi di San Mauro Torinese.

[Continua a leggere >>]

La Stampa in pdf

13 luglio 2012

Mario Baudino su La Stampa

12 luglio 2012

Su La Stampa di sabato scorso, 7 luglio 2012, Mario Baudino ha recensito Io la salverò, signorina Else per i suoi lettori, che sono lettori voraci ed esigenti, a me particolarmente cari perché vengo dalle loro terre,

[Continua a leggere >>]

Old town

30 luglio 2010

Anziani in un parco

Avevo ritagliato un articolo comparso su La Stampa del 24 luglio scorso, a firma Elena Lisa. Non riesco a trovarlo nell’archivio del quotidiano torinese per cui non posso linkarlo (ah!) e renderlo disponibile ai miei lettori. S’intitola Queste non sono città per anziani e riporta uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanità secondo il quale costringiamo i nostri vecchi, tra poco anche noi, a una corsa ad ostacoli che li rende più vulnerabili di quanto già siano.

Analoghi articoli si potrebbero scrivere e certamente sono stati scritti (io stesso ne ho almeno uno in archivio) riferendosi all’accoglienza delle città verso i bambini, i giovani, le donne, gli handicappati, gli stranieri.

[Continua a leggere >>]

Le stelle del poeta

29 maggio 2010

tratto da http://letteratitudine.blog.kataweb.it/2010/05/27/la-camera-accanto-17/

ADDIO A SANGUINETI, POETA DEI BUCHI NERI
(da La Stampa.it)

di PIERO BIANUCCI

Edoardo Sanguineti

Edoardo Sanguineti

Edoardo Sanguineti, poeta, critico letterario, intellettuale impegnato, fondatore dell’avanguardia Gruppo ’63, maestro di tanti studenti universitari a Torino, Salerno e Genova, se n’è andato a 79 anni, sotto i ferri di un chirurgo che cercava di salvarlo da un aneurisma.

L’ultima cosa che ha scritto è un “Sonetto astrale” (sonetto a modo suo) di tema astrofisico. Il 12 marzo scorso Gian Luigi Beccaria, che lo aveva ricevuto da Sanguineti per pubblicarlo sulla rivista Porti di Magnin, lo ha letto e commentato al Planetario di Torino Infini.To, dopo averlo distribuito in fotocopia al pubblico. C’era anche un altro illustre storico della lingua italiana, nonché appassionato astrofilo, Claudio Marazzini. Sapevamo che Sanguineti non stava bene, ma naturalmente non si pensava a una fine così vicina. Certo, leggendo quei versi, Gian Luigi Beccaria ce lo fece sentire presente e amico.

L’inedito “Sonetto astrale” è stato pubblicato su “ La Stampa” con la notizia della morte del poeta. Dunque non è più inedito. Ma vorrei ugualmente riprodurlo qui in memoria del suo Autore, che ebbi la fortuna di avere come professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Torino nella prima metà degli Anni 70 del secolo scorso.

Pulsano pulsar con forti pulsioni:
ecco a voi quasar, quasi stelle vive:
collassano assai dense, per pressioni
che imbucano per sempre, in nere rive;

così forse è: facelle in evezioni,
sciami di nebulose fuggitive,
supergiganti, code in librazioni,
variabili cefeidi recidive:

protuberanze, e getti, e radiazioni
corpuscolari, eclissi comprensive
di pieni pianetini e pianetoni,
aurore ipercompresse in somme stive:

oh, chiare notti gravitazionali,
mie fragili scintille zodiacali!

[Continua a leggere >>]