libertà di stampa

Libertà di stampa

17 luglio 2010

Una rotativa

Ho parlato con l’editore di una testata on line che ha deciso di sospendere, e forse interrompere le pubblicazioni. Le ragioni, da quel che ho compreso, stanno in un eccesso di interferenza della politica sulle scelte editoriali. A differenza che in altri paesi, la maggior parte dei quotidiani italiani sono nati come espressione, mezzo di comunicazione, di gruppi politici ben precisi, affiatati nelle loro convinzioni e nei loro progetti, bisognosi di far conoscere il proprio pensiero e di interpretare la realtà alla luce del loro credo. Una anomalia, vale a dire una sovrapposizione dell’ideologico al fattuale e tuttavia, per certi versi, una dichiarazioni d’intenti facile da decifrare. Uno magari non ne usciva informato ma sapeva cosa stava leggendo.

[Continua a leggere >>]