Marcel Carné

(Quasi) a caso

29 luglio 2010

Stormi

Querulano, querelano, quaqquerano, questuano, quantificano, quistionano, quisquigliano, quotano, quizzano. Ci sono città piccole dove la gente mormora, addirittura borghi, sobborghi, suburre, spurghi, obbrobri. Soppalchi e sepolture, sopraelevazioni, superfetazioni, spazi sterminati, praterie, metropoli dove ci si perde e son troppo piccole per due che si amano, come ci dicevano nei Bambini del paradiso o negli Amanti perduti.

Se non s’ha altro da fare si fa quel che si può, ci s’arrabatta, si sciabatta, s’aspetta shabat e la scimitarra, o una più semplice domenica e il suo giuoco del pallone. Ci son città dove la gente parla anziché mormorare e si mormora a letto, stringendosi fra le braccia, con un gesto semplice che nessun avvocato può menzionare e nessun giudica sanzionare e nessun prete autorizzare.

[Continua a leggere >>]