Mario Martucci

Katanga

22 dicembre 2010

Il Corriere della Sera di oggi intervista Mario Martucci «Manina», 67 anni, l’uomo che fondò e organizzò i Katanga della Statale di Milano, il servizio d’ordine del Movimento studentesco di Mario Capanna. Gli chiedono un’opinione su come i giovani che protestano in questi giorni contro la Gelmini, potrebbero difendersi dai provocatori.

Foto di Uliano Lucas

A quel piccolo esercito guardavamo con ammirazione e rispetto. Lo facevano sul serio, con impegno. Martucci ricorda che non si pensava solo ad avere manici di piccone e chiavi inglesi: si parlava anche con la Polizia. Io che quell’esperienza ho vissuto, ricordo anche un’altra cosa: si sapeva di poter contare anche sul servizio d’ordine degli operai delle fabbriche. Si sapeva che erano dietro le quinte.

Già, ma quello di oggi è un partito democratico, non comunista. Il rumore dei carrarmati sequestrati durante le ultime fasi della Seconda guerra mondiale non rimbomba più, talvolta la notte, sull’Appennino toscoemiliano. Gli Sten e le Luger sono spariti da tutte le soffitte. E tutta ’sta roba sarebbe oggi solo ferraglia.

[Continua a leggere >>]