Nichy Vendola

Una strada per la politica

16 novembre 2010

Mi appassiona poco il dibattito sui pregi e i difetti di Pierluigi Bersani o di Nichy Vendola, ed anche tirare ai dadi sugli scenari prossimi venturi del governo. Non escludo che entrambe le questioni abbiano un senso, riconosco solo che non riesco ad appassionarmi.

Presa così, la faccenda potrebbe suonare anche come un disinteresse verso la politica, che invece non c’è. Il mio approccio all’argomento è un altro, né migliore, né peggiore. E potrebbe anche darsi che da questa strada qualcun altro si appassioni all’argomento e alle prossime elezioni decida di invertire la tendenza che alle ultime elezioni regionali ha registrato uno dei più bassi afflussi di votanti, la disaffezione, il calo della democrazia.

Propongo allora da oggi a puntate sul mio blog per chi ne fosse interessato, un libretto che ho scritto alcuni anni fa, fra il 2003 e il 2004, e che non ho mai avuto il coraggio, o la forza o il pungolo di portare da un editore. È il mio modo appunto di approcciare la politica, di interessarmi delle vicende umane. Un capitolo al giorno per non annoiare il lettore.