Sebastiano Vassalli

Naufragio concettuale

28 gennaio 2014

Apprendo con raccapriccio, o quanto meno con stupore, che… sono di destra. E in questo caso anche felicemente e con orgoglio. Il ragionamento su cui si fonda tal rivelazione ha ampie dosi di ragionevolezza e autorevole è chi fornisce i riferimenti teorici per proseguire in questa considerazione.

Sul Corriere della Sera di oggi, martedì 28 gennaio 2014, a pagina 29, poche righe di Sebastiano Vassalli invitano a «seguire le cronache del processo di Grosseto come uno scontro tardivo, se non postumo, tra Destra e Sinistra; se ne trarranno spunti per utili riflessioni».

Eccomi qua ad accogliere l’invito, sperando che appunto quelle a seguire siano riflessioni e, bontà del lettore, possano esser considerate utili.

Vassalli esordisce categorico e manicheo, ma, vivaddio, chiedendo subito dopo se si possa esser sicuri di una tal affermazione. Che sarebbe: «L’eroismo è di destra e il sindacalismo è di sinistra».

[Continua a leggere >>]