Apocalisse sui media

Redattore Sociale è l’agenzia di informazione voluta dalla Comunità di Capodarco. Tutti i giorni dà notizie sui poveri, gli immigrati, i reietti, ma sì, gli sfigati. Più seriamente: racconta cosa succede nel mondo così com’è, non come gli altri ce lo raccontano. E il mondo è più pieno di sofferenza di quanto non ci si voglia illudere che sia.

Negli anni in cui ho diretto Toscana Notizie ho fatto sì che ci fosse una collaborazione fra loro e noi e questo credo sia stato proficuo per loro, per noi, per la Regione Toscana, ma soprattutto per far conoscere appunto alle persone i problemi sociali.

Redattore Sociale ha organizzato un “Seminario di formazione per giornalisti a partire dai temi del disagio e delle marginalità” il cui titolo è Oltre l’Apocalisse. Come non farsi imprigionare dalla paura del nuovo che si terrà a Fermo dal 26 al 28 novembre 2010.

Considerato che l’Apocalisse, su suggestioni storico scientifiche di Paolo Rossi Monti, era l’argomento a cui era dedicata la prima stesura della mia tesi di laurea, resto attento a questo tema e non mi dispiacerebbe partecipare a quell’incontro. Son certo che avrei cose da imparare e anche qualcuna da insegnare, a questo punto della mia vita e della mia preparazione.

Direi che sull’argomento, che travalica l’angusto orizzonte religioso da cui trae origine, ed in particolare sulle relazioni tra la fine del mondo o comunque la catastrofe e il mondo dei media, ci sarebbe molto da dire, in un giochino che davvero porterebbe a chiedersi se vien prima l’uovo o la gallina.

Per intanto mi limito a segnalare l’avvenimento e il link rinvia al programma per chi ne fosse interessato. ma riporto qui la bella citazione in esergo contenuta nell’invito al Seminario:

E come dovremmo comportarci durante l’Apocalisse?
Dovremmo essere straordinariamente gentili gli uni con gli altri, certo.
Ma dovremmo anche finirla di essere tanto seri.
Le barzellette sono un grande aiuto. E trovatevi un cane, se non l’avete già.
Kurt Vonnegut, Ricordando l’apocalisse, Feltrinelli 2008

Tags: ,

Leave a Reply