I più letti

Credo che, grazie anche a un’intensa attività di autopromozione mediante e-mail, l’articolo più letto del mio blog sia quello intitolato La tribù di Geronimo del 7 maggio 2010, con cui annunciavo il compleanno per i novant’anni di Bruno Schacherl, seguito a ruota da Onore al nemico subito dopo l’omicidio di Susanna Tre Re. Se uno va su Google e digita questo nome, a seconda dei giorni, il mio post va dal primo al quinto posto. Vedo che di questa donna si interessa gente da ogni parte del mondo. Ciò che mi stupisce è che gli altri articoli, soprattutto quelli di giornale, e le stesse indagini, brancolino nel buio. Molta gente è stata sentita, ma ipotesi ancora non ce ne sono.

Di questo delitto mi è capitato di parlare con varie persone. E tutte che mi dicono, c’è qualcosa che non torna. Cos’è che non torni non so, ma se lavorassi in un quotidiano romperei di più le scatole al magistrato di turno o agli inquirenti. Cercherei di capire. Non mi accontenterei del poco che è stato scritto. Magari è così, non c’è nient’altro da dire e son troppo fuori dai giri di cronaca per poter dare un’opinione appropriata, per cui le mie restano solo sensazioni, ma più che altro la convinzione che questo lavoro, quello del cronista, è assai in disuso.

Le redazioni trasudano veline e comunicati stampa – ne ho fatti produrre qualche migliaio ogni anno negli ultimi dieci anni –, hanno problemi di organico e ricorrono sempre più a ristrutturazioni, collaboratori occasionali, cococo, stagisti, dispacci d’agenzia. Il mestiere che ho imparato più di trent’anni fa mi sembra così lontano. Forse qualcuno sta preparando il compleanno per i miei novant’anni. Ammesso che ci sarò.

Tags: , ,

3 Responses to “I più letti”

  1. sandro scrive:

    Caro Daniele,
    non sapevo ne’ del tuo articolo su Bruno, ne’ del suo compleanno…
    Suo fratello e’ stato il mio professore di Logica, Filosofia e Storia al Liceo di Fiume…
    Vedi di trovare il suo libro autobiografico – non ricordo il titolo, ma lo cerchero’. Lo sapevi? Erano 4 fratelli, tutti nati a Fiume, ma in quattro Stati…differenti: la Fiume ungherese, prima del 18, quella dannunziana, lo Stato Libero di Fiume e in quella italiana… Questo ed altro ci troverai

  2. VDF scrive:

    ” c’è qualcosa che non torna”
    — Ovviamente. E sembra che non sapremo mai. Come mai?

  3. Daniele Pugliese scrive:

    Se lei è così certo, o certa, che ci sia ovviamente qualcosa che non torna e che quindi non sapremo mai, me lo dica lei, come mai.

Leave a Reply